Archivi del mese: settembre 2009

Tarquinate/4 (“Der Stift ist auf dem Tisch”)

Questa rubrica appena avviata rischia di chiudere anzitempo: dopo l’uscita odierna di Guido Westerwelle c’è la possibilità che Andrea Tarquini si iscriva ad un corso di tedesco.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Tarquinate/3 (Repetita iuvant)

Prima le qualifiche politiche …

Salgono le stelle dei massimalisti, il popolarissimo governatore-borgomastro di Berlino Klaus Wowereit.

poi quelle anagrafiche e sessuali …

Klaus Wowereit leader futuro della sinistra contro Guido Westerwelle astro nascente del centrodestra? Un possibile duello fra qualche anno tra due giovani, dinamici, leader di talento, entrambi gay dichiarati ed entrambi cresciuti politicamente nel dopo-guerra fredda, si proietta nel futuro della democrazia tedesca.

Infine un summing-up …

Il tempo sembra giocare per Klaus Wowereit, giovane e popolare borgomastro-governatore gay dichiarato di Berlino.

Tutto nello stesso articolo (alle righe 13, 20 e verso la fine, oggi sull’edizione cartacea di Repubblica).  Anche stavolta Andrea Tarquini non delude.

PS: qualcuno dovrebbe informare Tarquini che il giovane Klaus Wowereit ha 56 anni (più della Merkel e di Steinmeier), è iscritto alla SPD da 35 anni e dal 1979 è stato costantemente membro di varie assemblee elettive di Berlino.

1 Commento

Archiviato in Deutschland über alles

Tarquinate/2 (o l’iperinflazione di aggettivi)

Sei mesi fa il centro-destra era “moderno”, Guido Westerwelle era “moderno e pragmatico”, Franz-Walter Steinmeier era “moderno e moderato”,  Angela Merkel e il centro-sinistra erano rimasti senza particolari qualifiche. Oggi il centro-destra è ancora “moderno”, Westerwelle è diventato “giovane, moderno, multiculturale, intellettuale, gay”. Steinmeier è “simpatico ed efficiente” mentre la Merkel è “iperativva, simpatica, elusiva-soft”. Infine il centro-sinistra è diventato anche esso “moderno“. Il tutto certificato dal nostro “moderno, moderato, pragmatico, multiculturale, intelletuale, giovane, simpatico, efficiente, iperattivo, elusivo-soft, …” Andrea Tarquini.

1 Commento

Archiviato in Deutschland über alles

Orgoglio omosessuale

Si potrebbe iniziare con il dire che con LGBTQI si è ormai sequestrata quasi la metà dell’alfabeto italiano. Ma chi diavolo sono gli intersessuali? Gente sessualmente attratta dai giocatori dell’Inter? Avanti di questo passo l’orgoglio omosessuale sarà rivendicato solo nelle pagine del Garzanti.

1 Commento

Archiviato in Politica Italiana

Cattività dalemiana

I dalemiani sono tutti bassi perchè sono cresciuti in cattività.

Lascia un commento

Archiviato in Politica Italiana

Solidarietà di classe

Milano, via Palestro, ore 10.

Immigrato 1: “Aiuto, ho fame …“.

Immigrato 2: “Va a lavurà

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

L’Italia del benessere

Accantonato il PIL come indicatore di benessere, è arrivata la classifica del BIL (Benessere Interno Lordo). Ora, che in testa alla classifica ci stiano le solite province di sempre, quelle che da 65 anni sopportano eroicamente la dittatura comunista, non sorprende. Piuttosto lascia qualche dubbio sapere che a Bolzano si viva peggio che a Isernia, o che a Lodi siano tutti invidiosi dei successi di Reggio Calabria.  Poi, certo, per un milanese come me è davvero un sollievo sapere che la vicina Brianza stia arrancando in classifica, per non parlare degli odiati romani quasi in zona retrocessione (ma sempre meglio di Bolzano). Però non vorrei che, liberati dall’ossessione del PIL, ognuno si costruisse l’indice ad uso e consumo interno. Gira insistentemente la voce di una nuova classifica che vede Napoli in testa. Si basa sul parametro ISN (Indice di Somiglianza a Napoli). Inspiegabilmente ultima, anche in questo caso, la povera Bolzano.

1 Commento

Archiviato in Politica Italiana